Torino, bagarre in Sala Rossa: l’opposizione abbandona l’aula

Primo scontro in Sala Rossa a Torino tra maggioranza e opposizione: nel corso della presentazione del programma del primo cittadino, Stefano Lo Russo, i consiglieri di opposizione hanno disertato l’aula. Una scelta intrapresa dopo la decisione di rinviare la discussione degli emendamenti alle linee programmatiche  lunedì prossimo e non nella giornata odierna.

Spiega  Paolo Damilano di Torino Bellissima: “Non avevamo presentato emendamenti, ma abbiamo scelto di uscire comunque dall’aula perché saremo sempre contro chi nega la libertà di parola, di espressione e di fare politica. Ma la scelta del Sindaco è inquietante in un’assemblea che è stata scelta dalla metà dei torinesi: negare la libertà di espressione a un pezzo importante di cittadini è un segnale pericoloso che apre una spaccatura in questo Consiglio comunale, dove invece ci sarebbe bisogno di unità per le sfide che ci attendono.

Per contro il sindaco Lo Russo ha spiegato:  “Perdere le elezioni può non far piacere, ma è suggestivo il fatto che siano stati presentati più di 130 emendamenti per modificare il programma di un mandato che riflette l’esito delle urne. Queste sono le linee tracciate dalla coalizione e credo sia doveroso nei confronti dei torinesi non stravolgerlo, nonostante alcune delle proposte contenute negli emendamenti siano utili spunti che potranno non far altro che migliorare la nostra azione”.



In questo articolo: