Investito da un’auto pirata mentre va a lavoro, morte cerebrale per operaio della Mopar di Rivalta

E’ stato dichiarato in stato di morte cerebrale Antonio Russo, l’operaio della Mopar di 38anni investito all’alba del 3 dicembre a Rivalta da un’auto pirata.

L’uomo al momento è ricoverato all’ospedale Cto di Torino: secondo quanto si apprende ha riportato gravi i traumi.

Spiegano i  sindacati Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm che chiedono “un intervento immediato delle autorità competenti per rendere sicura via I Maggio” e denunciano “automobili che sfrecciano ad alta velocità, illuminazione della strada pressoché inesistente, strisce pedonali non illuminate. Un mix di inadempienze che mettono quotidianamente a rischio la vita dei lavoratori che circolano su quella strada”.

Critica la Uilm di Torino che spiega: “Gli impegni presi dal Comune di Rivalta restano ad oggi promesse disattese. Tali incidenti non possono essere considerati fatalità e non dipendono dal destino. L’attenzione da porre sulla prevenzione e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori deve essere messa sempre in primo piano”. Infine, conclude la Uilm, esprime “vicinanza alla famiglia del lavoratore e a tutte le persone coinvolte emotivamente in questo dramma”.

 

 

 



In questo articolo: