Torino si candida a capitale della moda sostenibile

«Torino si candida a capitale della moda sostenibile, l’auspicio è che un evento come Hoas venga replicato ogni anno, qui ci sono tante aziende che fanno ricerca, soprattutto del digitale. Puntanto su questi due asset, Torino può essere strategica nel campo del fashion». A dichiararlo è Massimo Costa, segretario Assomoda, durante il convegno di apertura di Hoas 2021 al Lingotto, evento ideato ideato e organizzato da Hoas Group, con il patrocinio della Città di Torino, della Regione Piemonte e di Assomoda con la direzione artistica di Bros Group Italia (per info www.hoas.it).

«Si parla tanto di sostenibilità, tanti lo fanno solo per immagine, fanno marketing ingannevole, allora è necessario che le aziende certifichino quello che stanno facendo. Chi si occupa di farlo a livello europeo è il SBT – Science Based Targets, ma sul loro sito appaiono solo sette aziende del Made in Italy, una quota minima della produzione del nostro paese» ha concluso Costa.

«Con Hoas intendiamo fare di Torino una nuova capitale della moda. E per farlo abbiamo deciso di portare le sfilate al Lingotto, lo spazio simbolo dello sviluppo industriale della città». Così Domenico Barbano, Ceo di Hoas Group che ha proseguito: «Daremo spazio anche a giovani designer e nuovi brand in quello che è un settore trainante per l’economia del nostro paese, un segno di ripartenza dopo la pandemia. Insieme a big brand lanceremo un messaggio verso la moda sostenibile, amica del pianeta, qualcosa di sempre più necessario in questa filiera. Per il resto saranno giorni di grande glamour per il pubblico che potrà accedere gratuitamente previa prenotazione».

Tra gli stilisti che sfileranno in questi giorni c’è Alviero Martini: «Nel nostro settore dobbiamo portare delle novità che siano compatibili con il discorso della sostenibilità. E non è un discorso semplice da affrontare: la gente è abituata alla pelle, alla seta e le novità vanno testate. Siamo solo all’inizio di un percorso, all’obiettivo ci arriveremo piano piano». Al convegno sono intervenuti anche Maurizio Marrone, Assessore Regione Piemonte, e Enzo Bussolino, General Manager Audi – Auto Zentrum di Torino.

Previsti in passerella anche RG Romeo Gigli, Otto&Mezzo Cashmere, Olè Milano, Anton Giulio Grande, l’Esercito Italiano con il suo brand, Petrelli Uomo, Dimitar Dradi, Bruna Couture, Gai Mattiolo, Giuseppe Fata e Atelier Beaumont.

Attesi tanti testimonial come il divo americano Ronn Moss, l’amatissimo Ridge della soap “Beautiful”, la showgirl Elisabetta Gregoraci, le attrici Manuela Arcuri, Anna Safroncik, Mayra Pietrocola, Devin Devasquez, Guenda Goria, gli attori Alessandro Tersigni e Andrea Montovoli, il duo Le Donatella, le influencer Dasha Kina, Elena Morali, Sara Croce, Fabrizia Santarelli, le Sister Cash, i modelli Stefano Sala, Andrea Melchiorre e Gennaro Lillo.



In questo articolo: