La storia da favola di Junior Messias: dal Brasile e nei dilettanti al gol in Champions con il Milan

È proprio un storia da favola l’ascesa di Junior Messias che da immigrato dal Brasile e il lavoro da muratore prima e da fattorino poi è arrivato al Wanda Metropolitano di Madrid con il gol vittoria con il Milan nel match di Champions League contro l’Atletico Madrid.

Arrivato a Torino dove si era già sistemato il fratello, inizia il lavoro da muratore, ma non dimentica la propria passione per il calcio iniziata sui campi del Cruzeiro in Brasile. Partecipa a Balon Mundial, un torneo amatoriale dove gareggiano giocatori immigrati da tutti i Paesi e viene notato da un gruppo di peruviani che cerca di convincerlo a venire a giocare nello Sport Warique del campionato Uisp. Uno di loro gli trova anche un lavoro da fattorino per permettergli di mantenere se stesso e la famiglia al Paese e di ottenere il permesso di soggiorno.

Ma la favola non poteva terminare così. Ezio Rossi, ex difensore del Torino lo nota in una partita, ma al momento disoccupato non può ingaggiarlo. Nel 2015 da tecnico del Casale in Eccellenza Rossi lo porta in squadra dove segna 21 gol nelle 32 partite giocate contribuendo alla promozione in serie D. L’anno dopo Messias lascia il Casale per andare nel Chieri sempre in serie D.

L’agognata carriera professionistica arriva con il Gozzano promosso in serie C nel campionato 2017-2018, dopo l’ingaggio sfumato alla Pro Vercelli in serie B. Il 30 giugno 2019, all’età di 28 anni, passa al Crotone in serie B, che grazie anche al suo contributo arriva nella massima serie.

Dal Crotone il passaggio al Milan in prestito con diritto di riscatto è voluto da Paolo Maldini e Stefano Pioli. La fiducia riposta in lui, ormai giocatore di 30 anni, viene ricompensata con il gol di testa di ieri sera che fa continuare a sperare per il Milan nella qualificazione agli ottavi di Champions League.