Cancellata per Covid anche l’edizione 2022 dello storico Carnevale di Ivrea

Come per l’edizione 2021 anche quella del Carnevale di Ivrea 2022 è stata cancellata per “la rapida evoluzione della crisi epidemiologica e delle recenti restrizioni adottate dal Governo a tutela della salute pubblica”.

“Il Consiglio d’amministrazione della Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea, riunitosi in data 24 novembre con l’Amministrazione Comunale e con le Componenti tutte, è purtroppo costretta a confermare la cancellazione dell’edizione 2022 del Carnevale” – scrive in una nota la Fondazione.

“La sofferta decisione è stata presa in accordo con tutte le parti coinvolte, – continua la nota – considerando l’incertezza e imprevedibilità degli scenari futuri, incompatibili con le esigenze organizzative dell’evento, e valutando non attuabile alcuna soluzione che potesse garantire lo svolgimento della manifestazione in condizioni di normalità e sicurezza”.

“La natura e le caratteristiche dello Storico Carnevale di Ivrea – spiegano nella nota – non consentono peraltro di immaginare un’edizione limitata, nel rispetto doveroso e responsabile delle normative vigenti, al punto da essere profondamente e irrimediabilmente snaturata. La scelta di una cancellazione, dolorosa quanto purtroppo inevitabile, è stata presa proprio nel rispetto dell’integrità della manifestazione, delle figure storiche che la animano, dei tanti volontari, degli aranceri, di tutti le persone coinvolte e delle migliaia di visitatori che ogni anno accorrono da ogni parte del mondo proprio per assistere a qualcosa di unico”.

“Il CdA della Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea si impegna a valutare nelle prossime settimane, insieme all’Amministrazione Comunale e alle Componenti tutte, se ci saranno le condizioni per realizzare alcune iniziative speciali al di fuori del normale programma della manifestazione, come già effettuato lo scorso anno con il progetto social #uncarnevalediricordi. Ci auguriamo di tornare presto a vivere la nostra festa in totale sicurezza e con lo spirito che l’ha resa un evento unico al mondo” – conclude la nota.



In questo articolo: