Al Torino Film Festival La Svolta di Antonaroli proiettatoo accesibile per tutti

TFF e RAI Pubblica Utilità, in collaborazione con +Cultura Accessibile, presentano la proiezione accessibile de LA SVOLTA di Riccardo Antonaroli, film prodotto da Rodeo Drive e Life Cinema con Rai Cinema, della sezione FUORI CONCORSO del Torino Film Festival 39. Il film, in programma il 2 dicembre alle 15 e il 3 dicembre alle 11.30, sarà proiettato con resa accessibile for all: l’audio-descrizione fruibile tramite app gratuita su smartphone e i sottotitoli facilitati in italiano.

L’audio-descrizione, realizzata per il film LA SVOLTA dal servizio Rai Pubblica Utilità, consiste in una traccia audio aggiuntiva inserita all’interno delle pause tra le battute e i dialoghi del film, che esplicita tutti gli elementi strettamente visivi, quali costumi, setting, colori, espressioni facciali, caratteristiche fisiche ed azioni. In tal modo, anche le persone con deficit visivo più o meno importante possono seguire in totale autonomia l’evolversi della narrazione cinematografica.

L’iniziativa ha l’obbiettivo di perseguire il lavoro avviato e realizzato anche nelle precedenti edizioni del TFF grazie alla collaborazione con +Cultura Accessibile, nell’ottica di un modello di accessibilità universale alle iniziative culturali, modello di cui il Museo Nazionale del Cinema da molti anni è attivo sostenitore e promotore.

Sinossi: Spaventato dal mondo e da sé stesso, Ludovico vive rintanato nel vecchio appartamento della nonna, cullando sogni che crede irrealizzabili. Una notte come tante, però, il mondo lo viene a trovare e s’insedia a casa sua. Il suo nome è Jack, ha la stessa età di Ludovico, e un carattere opposto: duro, determinato, forse criminale. La convivenza forzata di due personalità agli antipodi si trasforma per entrambi in un percorso d’iniziazione verso l’età adulta, alla scoperta dei rispettivi caratteri, in un’alternanza di comico e drammatico, gioia e dolore. E quando la realtà presenta il conto, Ludovico e Jack saranno costretti ad affrontarla, forti di una nuova consapevolezza e un insperato coraggio.

Il regista – Riccardo Antonaroli (Roma, 1987) proviene da un lungo apprendistato sui set, sui quali ha lavorato fin da giovanissimo come aiuto regista, affiancando nomi che l’hanno portato ad acquisire dimestichezza con il genere e con l’azione. L’apprendistato è poi sfociato nella sua vera vocazione, la regia. Con uno dei suoi primi tentativi di messa in scena, il cortometraggio Cani di razza (2017), ha trovato subito il successo, collezionando diciotto premi tra i festival più prestigiosi del settore e ottenuto un Nastro d’argento nel 2018. Il film è stato l’inizio di un percorso che lo ha portato a diventare uno dei registi della serie Disney+ I cavalieri di Castelcorvo (2020). La svolta è il suo primo lungometraggio.

«La svolta si muove tra i generi, è un “road movie da fermo”, dove gli eventi si susseguono come cambi di paesaggio. È il viaggio di due solitudini che per caso s’incontrano e si scontrano, dando vita a un percorso di formazione accelerato che entrambi i protagonisti saranno costretti a vivere loro malgrado. Tra un sorriso e una lacrima, Jack e Ludovico, coetanei dalle esistenze e dai caratteri diametralmente opposti, dovranno fare i conti con un universo criminale sgangherato e feroce, abitato da cattivi dalle debolezze palesi, vittime del loro orgoglio e della loro follia. E se non è difficile scorgere nel Sorpasso la principale fonte d’ispirazione del film, le numerose citazioni disseminate qua e là nella casa dei protagonisti vogliono essere un affettuoso omaggio al cinema di genere». (Riccardo Antonaroli)

Durante il TFF saranno inoltre proiettati al Cinema Massimo 1 in lingua originale con sottotitoli facilitati in italiano anche i film CODA di Sian Heder, storia di un’adolescente figlia di sordi (3 e 4 dicembre) e CLINT EASTWOOD: A CINEMATIC LEGACY (28 e 29 novembre), documentario intervista di Gary Leva prodotto da Warner sul celebre attore e regista americano.



In questo articolo: